Post in evidenza

William Bill Ramsey: il lupo mannaro di Southend

Un caso molto particolare, tra i tanti a cui indagarono i coniugi Warren , è quello che prese il nome di "Il lupo mannaro di Southend&q...

20 marzo 2020

Ed Gein - Il Macellaio di Plainfield



Molti di voi sicuramente avranno visto Psyco, Non aprite quella Porta e The Texas Chainsaw Massacre, ma non tutti sanno che in questi film c'è un fondo di verità; infatti questi film sono ispirati a un famosissimo serial killer di nome Edward Theodore Gein conosciuto come Ed Gein: Il Macellaio di Plainfield. Nato il 27 agosto del 1906 da una madre con problemi mentali di nome Augusta e un padre di nome George, alcolista, da cui subì ripetuti abusi sessuali. Aveva anche un fratello di nome Henry. La famiglia Gein viveva in una fattoria fuori Plainfield, una cittadina del Wisconsin, anche se gli stessi abitanti l'avevano ribattezzata: "il buco morto dello Stato". Augusta era una donna da un carattere forte e dominante, era Luterana e una fanatica religiosa e costringeva i poveri Ed e Henry a isolarsi dalla società e, in modo particolare, verso il sesso femminile. Ogni pomeriggio leggeva ai suoi figli la Bibbia, in particolar modo l'Antico Testamento, dove si parla di morte, omicidio e punizione Divina. Questo isolamento portò Ed a ripudiare il sesso; la sua mente ormai fragile e sul procinto di deviare, lo indusse a sviluppare e a elaborare il sesso in modo errato. All'età di dieci anni Ed sperimentò il suo primo orgasmo vedendo sua madre Augusta e suo padre George macellare un maiale in un casotto vicino. Arrivato alla pubertà fu sorpreso dalla madre a  masturbarsi nella vasca da bagno, lo afferrò per i genitali definendoli la "maledizione dell'uomo" e per punizione lo immerse nell'acqua bollente.
La donna fece addirittura giurare ad Ed e a Henry che sarebbero rimasti vergini.
Quando il padre morì, nel 1940, Henry iniziò a provare insofferenza contro le limitazioni e le restrizioni impostegli dalla madre e si suppone che la sua la morte misteriosa, avvenuta nel 1944 in seguito a un incendio, fu causata dal fratello Ed, che non solo disse alla polizia che aveva perso di vista il fratello, ma paradossalmente era stato proprio lui a indicare con precisione dove si trovasse il cadavere.
Henry fu ritrovato con un trauma alla testa, alla luce del quale i poliziotti sospettarono di Ed,  arrestandolo di conseguenza, ma il medico legale, in seguito, avrebbe detto che invece il fratello era morto di asfissia.
Ed aveva una corporatura molto esile, veniva spesso deriso e umiliato dai suoi compagni, che  notavano che spesso rideva e aveva un sogghigno anche nelle conversazioni serie, come a volerli prendersi gioco di loro.
Il 29 dicembre del 1945 Augusta morì in seguito a un ictus, lasciando Ed da solo nella fattoria. 
Molti criminologi definiscono la figura della madre: "l'unico filo che ancora ne preservava la sanità mentale", di conseguenza questa perdita gli aveva causato uno squilibrio mentale irreversibile. 
Il 17 novembre 1957 una donna di nome Bernice Worden, che lavorava come commessa presso una drogheria e che era la madre del vice sceriffo Frank Worden, scomparve.
Il vice sceriffo si attivò subito e fece domande a chiunque ne sapesse qualcosa. Un residente del luogo disse che quel giorno il negozio era rimasto chiuso, un altro disse invece che Ed Gein quella mattina aveva acquistato dell'antigelo. Frank, seguendo questa pista, verificò l'ultimo scontrino battuto dalla drogheria, che corrispondeva a un gallone di antigelo. In più sul pavimento vi erano tracce di sangue e la cassa, stranamente, era stata aperta e svuotata dagli incassi.
La stessa sera Ed venne arrestato in una drogheria del West Planfield e la sua casa venne perquisita, ma fu in un capanno, sempre di proprietà dello stesso Ed, che trovarono il corpo decapitato di Bernice: il suo corpo era appesa a testa in giù dalle caviglie e sventrato a partire dalla vagina. La testa, con due grandi chiodi conficcati all'altezza delle tempie, fu trovata invece in una stanza della sua casa. Si suppone che, visto che il corpo della donna era stato abbigliato per farlo somigliare a un cervo (era stagione di caccia ai cervi in quel periodo) e in testa le aveva piantato due chiodi, come a simularne i palchi (le corna, ndr.), Ed avesse simulato l'uccisione e la trasformazione della testa in trofeo.
Fu scoperto in seguito che la donna era stata uccisa con un colpo di una carabina calibro 22.
Durante la perquisizione, furono trovate nella casa di Ed anche alcune parti di una donna scomparsa mesi prima di nome Mary Hogan, proprietaria di una piccola locanda a Plainfield.
Dentro l'abitazione furono rinvenuti anche: quattro nasi, teschi umani che ornavano la testata del letto di Ed, un cestino fatto di pelle umana, gambali creati con pelle umana, un corsetto ricavato dalla pelle di un torace femminile, una maschera creata con il viso di Mary Hogan e il suo teschio messo in una scatola, una cintura fatta di capezzoli, pelle umana usata come tappezzeria per lampade e sedie, calotte craniche trasformate in ciotole, vestiti vari, anche questi, come la maggior parte degli altri rinvenimenti, ricavati da pelle umana.


Alcuni dei macabri oggetti ritrovati nell'abitazione di Ed Gein



Ed confesso di aver dissotterrato dal cimitero una donna che aveva le sembianze della  madre e di aver portato a casa il corpo per utilizzarlo per creare i suoi macabri oggetti di arredamento. Confessò anche di aver disotterrato altri diciotto cadaveri circa, disse anche che le tombe che profanava erano sempre fresche di funerale, prima di essere perfettamente interrate.
Ed fu giudicato mentalmente instabile e incapace di sostenere il processo e fu condotto all'ospedale a Waupan nel Wisconsin. Durante il processo, la sua dichiarazione "Non ho mai ucciso un cervo" preoccupò molto i suoi vicini di casa, ai quali Ed aveva spesso offerto carne di cervo, da lui cacciato; molto probabilmente era stata carne umana. Nel 1968 i dottori di Ed stabilirono che era abbastanza sano da sostenere il processo,tuttavia fu discolpato per infermità mentale,  passando gli ultimi 16 anni in un manicomio criminale.
Il 26 luglio del 1984 Ed morì per arresto cardiaco respiratorio, fu sepolto nel cimitero di Plainfield vicino alla madre. Per anni la tomba di Ed fu oggetto di vandalismo.
La figura di Ed Gein ispirò molti registi e scrittori tra cui il romanziere Thomas Harris e il famosissimo Alfred Hitchcock.

Alcuni dei film che presero spunto da Ed Gein furono:

-Psyco (del 1960)

-Non aprite quella porta (del 1974)

-Ed Gein - Il macellaio di Plainfield (è uscito sia nel 2000 che nel 2007)

-The Texas Chainsaw Massacre (del 2003)

-The Texas Chainsaw Massacre: The Beginning (del 2006).










Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono sempre apprezzati, purché rispettino la natura del blog. Eventuali commenti offensivi o inopportuni non verranno pubblicati.